Chiedere il riconoscimento dell'invalidità civile

Chiedere il riconoscimento dell'invalidità civile

L'invalidità civile è il riconoscimento di una patologia fisica o psichica, congenita o acquisita, non derivante da cause di guerra, lavoro o servizio. È quindi una riduzione permanente della capacità di svolgere funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa di una menomazione o di un deficit fisico, psichico o intellettivo, della vista o dell’udito.

L'invalidità civile, per la legge italiana, è una riduzione permanente della capacità di svolgere attività lavorativa non inferiore a un terzo. Ai minorenni, l’invalidità civile è riconosciuta come difficoltà a svolgere i compiti e le funzioni inerenti alla loro età.

L’invalidità civile è riconosciuta da una commissione medica competente presso l'autorità sanitaria competente per il territorio di residenza del richiedente ed è espressa in percentuale.

La domanda deve essere presentata all'INPS utilizzando il servizio online dedicato. È possibile presentare la domanda tramite patronati o associazioni di categoria dei disabili.
Prima di presentare la domanda occorre rivolgersi a un medico di base per chiedere il certificato attestante le patologie che dovranno poi essere valutate per l’eventuale riconoscimento della condizione di invalidità.

Per ulteriori informazioni, consulta il sito dell'INPS.

Requisiti soggettivi

Coloro che possono presentare domanda di riconoscimento dell’invalidità civile sono:

  • cittadini italiani con residenza in Italia
  • cittadini stranieri comunitari legalmente soggiornanti in Italia e iscritti all’anagrafe del Comune di residenza
  • cittadini stranieri extracomunitari legalmente soggiornanti in Italia con permesso di soggiorno di almeno un anno, come previsto dal Decreto legislativo 25/07/1998, n. 286, art. 41.

Puoi trovare questa pagina in

Sezioni: Servizi sociali
Ultimo aggiornamento: 30/03/2022 14:54.06